09/01/2021

Relembrando...2013

Hoje tirei o dia para organizar documentos e arquivos que estavam salvos em diversos pendrives e que eu  nao lembrava mais que existiam. Entre eles, encontrei uma carta que escrevemos em 2013 para a administraçao do prédio onde moramos por 3 anos, em Milao.   

Lembro-me que naquela época tivemos muito stress com o casal do apartamento abaixo do nosso. Qualquer barulhinho: a descarga do banheiro, o barulho dos pratos quando lavavamos a louça e até a voz de nossas visitas ja resultou em brigas feias e quase em porrada. 

Em uma das ultimas discussoes que tivemos com eles, a mae da mocinha disse que o problema é que eravamos extra-comunitarios, de maneira muito pejorativa. Ai as coisas esquentaram bastante e avisamos seja o casal que o administrador que na pròxima vez a conversa seria diante a um juiz. 

Moral da història: os bonitinhos mudaram de casa e todos vivemos felizes para sempre :)

Enfim, deixo abaixo uma còpia da carta que mandamos ao administrador para ficar registrado o motivo pelo qual viemos morar fora de Milao em uma casa independente!


----

"Vorrei comunicarvi il problema che stiamo trovando con il nostro vicino del piano di sotto, la famigliaXXXX. Dal momento in cui ci siamo spostati a novembre, il signore e la signora vengono con frequenza a casa mia a lamentarsi di ogni rumore che esiste nell’appartamento.

La prima problematica che abbiamo avuto è stata quando abbiamo affittato l’ appartamento, che era di proprietà di un signora anziana che ha vissuto sempre qui e quindi aveva lasciato tutti i mobili, vestiti, utensili personali in generale. Abbiamo trovata la casa esattamente come quando la signora era morta mesi prima: in situazione precaria. Dato che il proprietario (sig. Mongelli) non ha svuotata la casa, abbiamo dovuto fare noi il lavoro. Visto che dentro c’erano oggetti di una vita intera abbiamo impiegato una settimana a farlo, cercando di non dare fastidio agli altri, ma ovviamente con la struttura delle pareti di questo palazzo è impossibile fare due traslochi in silenzio totale.

In altre circostanze, quando io e mio marito parlavamo in casa, loro hanno iniziato a sbattere contro il tetto, quindi mi sono trovata a casa nella situazione di non poter neanche parlare con tranquillità, di dover essere tesa anche in casa mia. Noi qui, sapendo che l’appartamento è rumoroso, cerchiamo al massimo di stare in casa senza disturbare le persone e anche quando sentiamo il rumore dell’appartamento di sopra cerchiamo di avere il BUON SENSO, visto che per vivere in comunità ci vuole il minimo di buon senso. La coppia che abita sotto di noi, la stessa che almeno tre volte è venuta con arroganza al nostro appartamento per lamentarsi, ha una bambina che piange con frequenza e volendo o non volendo ci disturba, anche perché non riusciamo ne a studiare ne a lavorare concentrati. Intanto noi abbiamo sempre avuto il buon senso di capire che si tratta di una BAMBINA e quindi non andiamo da loro a fare scandalo. Preferiamo cercare di vivere in pace.

Questi problemi esistono da un po’, ma non volevo portare questa situazione all’amministrazione, solo che oggi durante il giorno avevamo un idraulico a casa nostra a cercare di sbloccare il nostro bagno che è bloccato completamente da una settimana e che sta perdendo acqua, il che potrà risultare in un problema grave anche per chi abita sotto (PERDITA D’ACQUA). Stavolta sono venuti in tre a suonare il campanello dicendo che dovevamo smettere e insultandoci, chiamandoci di male educati e con un discorso razzista che diceva che non essendo italiani non rispettiamo le regole. Si sono messi a urlare a porta di casa mia e minacciandoci di chiamare il carabiniere.

Prima di tutto rumore alto non c’è stato, l’idraulico non ha fatto dei bucci, ma ha semplicemente cercato di sbloccare gli ingorghi fermi nei tubi e bloccare la perdita d’acqua. Noi siamo persone educate e con formazione e se davvero ci fossero dei problemi di rumori alti saremo stati i primi a dire, ma non è stato il caso. Ripeto che il problema che abbiamo ora nell’appartamento potrà causare un’infiltrazione a casa loro, anche se l’audace signore ha detto che è un problema mio e non suo.  

Porgo l’occasione per DIRE CHE NON ABBIAMO MAI AVUTO PROBLEMI CON NESSUNO, CHE SIAMO DUE PERSONE CHE LAVORIAMO TUTTO IL GIORNO, PAGHIAMO L’AFFITTO, LE IMPOSTE COME QUALSIASI CITTADINO ITALIANO E NON ACCETTIAMO DISCORSI COME QUESTI, CHE SE CONTINUANO AD ESSERE COSI ANDREMO A PARLARE DAVANTI AD UN GIUDICE.

Immagino che sapete che nel palazzo esiste un problema di struttura e quindi praticamente se sentono tutti i rumori, sia di scarico d’acqua, sia delle persone camminando, di questo modo la base di tutto è IL BUON SENSO ED EDUCAZIONE.

Vi chiedo cortesemente di intervenire prima che questa situazione diventi impossibile!


Resto in attesa di un cortese riscontro. "